di Frederic Patenaude

Nel 1999, ho sentito la parola “brethariano” per la prima volta, quando qualcuno mi parlò di un uomo chiamato Wiley Brooks che viveva di aria e luce del sole.

brethariano wiley brooks

Questo personaggio mi lasciò perplesso, così feci delle ricerche su di lui. Scoprii che era apparso in programmi televisivi facendo qualche acrobazia di sollevamento pesi e più tardi si dichiarò brethariano.

In modo inaspettato è stato anche sorpreso mentre lasciava un minimarket con un frullato, un hot dog e tortine alla crema in mano.

Wiley crede che il nostro mondo sia un universo a tre dimensioni in cui le persone devono mangiare. Ma, in altre dimensioni, in particolare nella quinta, tutti sono brethariani.

Secondo Brooks, il cheeseburger di McDonald’s è un alimento della quinta dimensione e “possiede una speciale frequenza di base”. Questo è il motivo per cui lui lo consiglia ai brethariani più che frutta e verdura. Brooks pensa inoltre che la coca-cola diet sia “luce liquida” e dice:

“Le qualità da quinta dimensione nella coca-cola diet agisce come un tipo di agente legante che lega tutti gli altri zuccheri e tossine nel pasto che sono digerite al tempo dell’hamburger. La carne di manzo agisce da catalizzatore che attira queste tossine nel tratto digestivo e le accompagna fuori dal corpo come spazzatura”.

Non me lo sto inventando.

Ma ora fatemi arrivare alla storia della brethariana che ho incontrato di persona: Jasmuheen.

 

Nutrirsi di Luce

jasmuheen italianoVivevo a San Diego e lavoravo per la società di David Wolfe. Lui aveva invitato Jasmuheen, una famoso bretariana australiana, per tenere una lezione a San Diego.

Jasmuheen aveva già scritto un libro intitolato Nutrirsi di luce.

Seguii il seminario che Jasmuheen fece a San Diego, insieme a una dozzina di ricercatori della verità. Lei bevve del tè, con miele, ma solo per il gusto.

Mi apparve fragile, ma non morente. Era lucida, ma non vibrante di energia. Inoltre lasciò il seminario con oltre 4.000 $ in contanti.

Negli anni, ho incontrato molte persone che hanno provato a diventare brethariane, o hanno dichiarato di poter vivere di sola aria. In tutti i casi, queste persone occasionalmente mangiavano cibo, di solito dicendo che lo facevano solo per “piacere” e non per nutrimento.

Quando Jasmuheen visitò San Diego, dichiarò di essere stata per qualche anno senza cibo. Ammise di aver mangiato per “piacere” qualche volta, e come la maggior parte dei brethariani, non era sempre il cibo più salutare (i biscotti con gocce di cioccolato erano i suoi preferiti). Disse che poteva davvero vivere senza cibo o acqua e che lo aveva fatto già molte volte in passato.

La sua dichiarazione fu messa alla prova dalla versione americana dello show televisivo 60 minuti, nel 1999. In questo episodio, fu percepita come una pazza completa mentre spiegava i suoi metodi, ma rimase convinta di poter provare di avere ragione. Quando il team di 60 minuti la sfidò a rimanere per sette giorni senza cibo e acqua sotto supervisione, lei non esitò neanche un secondo. “Perciò sei contenta se ti chiudiamo per sette giorni e ti guardiamo morire?” chiese il conduttore. “Oh, non mi vedrete morire, ne uscirò sorridendo e ridendo; sarà una vacanza”, rispose lei.

Si assicurarono una stanza d’albergo che affacciasse su una bellissima parte di Brisbane, con una squadra di guardie di sicurezza che la controllavano 24/7, per accertarsi che non mangiasse o bevesse nulla. I suoi progressi furono anche controllati da un medico sul posto.

Al secondo giorno, ci furono già dei problemi: era disidratata. Al terzo giorno, Jasmuheen si lamentava che l’inquinamento della città limitava la sua capacità di assorbimento di nutrienti dall’aria. Dopo che lei si lamentò della cattiva qualità dell’aria, la spostarono in un altro posto (Clear Mountain, a 220 km da Brisbane), circondato di alberi e natura.

Ad ogni modo, anche in questo ambiente immacolato, Jasmuheen iniziò ad apparire cadaverica.  Al quarto giorno, aveva perso 6 chili. La sua pressione sanguigna era calata e il battito cardiaco era più veloce il doppio di quando aveva iniziato. I suoi occhi erano incavati e la disidratazione superò il 10%. Iniziò anche a parlare da matta, come una piccola bambina insicura piuttosto che un’adulta. Il medico che la monitorava era preoccupato che lei potesse soffrire di una grave insufficienza renale e che sarebbe stato troppo pericoloso continuare, perciò conclusero l’esperimento.

Alla fine, Jasmuheen continuò a difendere la sua questione che l’”inquinamento”” della prima stanza d’albergo a Brisbane le aveva impedito di prendere sufficienti nutrienti dall’aria.

Almeno tre persone morirono seguendo i consigli di Jasmuheen.

 

Persone Che Fanno Finta di Nutrirsi di Niente

In realtà io credo che il numero totale di morti che può essere attribuito al breatharianismo, sia molto più alto. Conosco almeno una persona che è morta dopo aver seguito questo tipo di suggerimenti.

Il bretharianismo è bizzarro, ma, esiste anche una credenza comune nel movimento della salute naturale secondo cui più siamo in salute, di meno cibo dovremmo aver bisogno.

È abbastanza giusto dire che “l’eccesso di cibo” è cattivo, ma bisogna definire esattamente cosa significhi.

Alcuni crudisti hanno dichiarato di essere capaci di vivere con meno di 1000 calorie al giorno, incitando in tal modo un apporto calorico e nutrizionale inadeguato, il che porta a risultati disastrosi.

Per esempio, il direttore di un centro per digiuni a Panama ha dichiarato per anni di aver seguito una dieta tipo questa:

Un grosso melone a pranzo e 4 o 5 pesche a cena. Con una grossa insalata 2 o 3 volte alla settimana (e niente colazione).

Ha dichiarato di aver bisogno di calorie tre volte inferiori rispetto a quando ha iniziato la dieta. Perché “Il corpo si ripulisce e si adatta ad un assorbimento dei nutrienti più alto con una dieta crudista vegana, diventa più efficiente ed è in grado di funzionare con meno cibo”.

La dieta che questo crudista diceva di seguire conteneva solo 700 calorie.

Ma, un uomo con la sua altezza ha un tasso metabolico di base di almeno 1600 calorie al giorno, senza considerare l’esercizio fisico.

Ciò che ho scoperto negli anni è che ogni volta che qualcuno fa finta di vivere quasi senza cibo, te lo dice solo nei giorni in cui ha mangiato qualche pezzo di frutta. Convenientemente queste persone dimenticano di menzionare il pasto da 3000 calorie di cui si sono abbuffati con noci e semi o cibi cotti, e tendono a tenere traccia in maniere scorretta del loro apporto calorico a lungo termine.

Sebbene la restrizione calorica sia un metodo provato per aumentare la vita e migliorare la salute, la maggior parte delle diete a calorie limitate tagliano solo dal 10 al 25% delle calorie totali.

Finora, non ho trovato alcuna prova dietro le affermazioni secondo cui è possibile vivere con il 40 o il 50% delle calorie di cui un essere umano ha bisogno.

 

Considerazioni Personali su Bretharianismo

Con questo articolo non voglio prendere una posizione sul bretharianismo, né affermare che sia tutta una bufala. Ho avuto modo di approfondire l’inedia di alcuni santi cristiani, induisti e buddisti e ci sono documentazioni riguardo a questi esseri. In questo sito riporto solo l’esperienza di Frederic e faccio le mie considerazioni. Personalmente credo che sia possibile in determinate condizioni riuscire a vivere senza cibo anche per molti anni, ma non può diventare un obiettivo da raggiungere, né tantomeno un ideale da seguire credendo che sia la strada verso “Dio” o qualsiasi altra credenza spirituale.

 

Comments

commenti

Iscriviti e Ricevi Omaggi e Nuovi Articoli

crudo e salute omaggi

Grazie! Controlla la tua email!

LASCIA LA TUA EMAIL

Ricevi i 10 Errori Insospettabili nella Dieta Crudista

Grazie! Il PDF è in arrivo, controlla la tua email.

Share This