In seguito allo scorso articolo sulla dieta chetogenica, ecco un approfondimento sulla sua storia.

“La dieta chetogenica” è l’ultimo trend nel mondo della nutrizione, ma questo approccio focalizzato sulla perdita di peso esiste da oltre 150 anni sotto diverse sembianze.

Il mondo delle diete può apparire complicato con nuove teorie, ma ci sono solo due approcci in base ai quali quasi ogni singola dieta può rientrare.

In ogni dieta, la perdita di peso si ottiene attraverso la restrizione calorica, indipendentemente dall’approccio: basso contenuto di grassi, a base vegetale, a basso contenuto di carboidrati, gruppo sanguigno, ecc. Non c’è eccezione.

Come si ottiene la restrizione calorica varia secondo il metodo utilizzato.

Quindi quali sono i due approcci alla dieta e alla nutrizione? Li ho chiamati:

  1. Il modello medico.
  2. Il modello salutare.

 

Il Modello Medico

Per quasi 150 anni, il modello medico per perdere peso ha raccomandato una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati. Questa dieta è ricca di proteine ​​animali, anche se ci sono alcune rare versioni vegane.

Questo modello ha cominciato a diventare famoso nel 1860 quando il londinese William Banting perse 50 chili con una dieta ricca di proteine ​​che consisteva in carne magra alla griglia, uova alla coque e verdure. Ha scritto un libro nel 1864 intitolato “Letters on Corpulence” che divenne immediatamente un bestseller.

Nel 1880, il programma “Banting” diventa il principale modello dietetico americano. Poco dopo, un altro medico di nome James Salisbury iniziò a promuovere una dieta composta principalmente da acqua calda e polpettine di carne (la famosa bistecca di Salisbury) per la salute e la perdita di peso.

Quando il Dr. Atkins scrisse la sua “Rivoluzione Dietetica” nel 1972, non inventò nulla di nuovo. Continuava semplicemente a promuovere il modello medico per il dimagrimento, che è sempre consistito in una riduzione delle calorie nel contesto di una dieta ricca di grassi, solitamente ad alto contenuto proteico.

Da allora, la maggior parte delle diete sono solo una variazione sullo stesso tema, con un diverso grado di restrizioni. La dieta a zona, la dieta South Beach e persino la dieta dei gruppi sanguigni sono solo approcci “più leggeri” del modello medico tradizionale.

Anche la dieta Paleo è una variazione dello stesso tema.

Infine, la dieta chetogenica è il termine tecnico per questo approccio, con particolare enfasi sul raggiungimento di uno stato di chetosi.

Le diverse diete variano a seconda di quanto riducono i carboidrati e solo poche raggiungono un vero stato di chetosi quando il corpo è privato delle sue riserve di glicogeno e glucosio e deve passare ai corpi chetonici per produrre energia.

Lo chiamo “modello medico” perché è quello che la comunità medica ha approvato per anni, e perché ha una sorta di “mentalità farmaceutica” per ottenere risultati rapidi (perdere peso), spesso a scapito della salute (effetti collaterali).

 

Il Modello Salutare

Il modello salutare è diverso perché non si preoccupa tanto della perdita di peso, ma piuttosto lo considera un effetto collaterale positivo del mangiare gli alimenti che favoriscono la salute in generale.

I fautori del modello salutare di dieta si occupano principalmente di salute e, se necessario, modificano la loro alimentazione per dimagrire di più.

Per questa categoria di dieta risaliamo almeno a 200 anni fa, ma potremmo risalire fino a Pitagora, circa 2500 anni fa in Grecia.

Se iniziamo da tempi più recenti, abbiamo questa linea temporale:

La dieta vegetariana di Sylvester Graham (1794-1851)

Fu uno dei primi personaggi pubblici a difendere il vegetarianesimo e ciò che chiamò “temperanza”. Potremmo ricordarlo come l’inventore del cracker di Graham, ma il suo contributo fu molto più significativo. I suoi seguaci praticavano lo spazzolamento dei denti, il vegetarianesimo, la sobrietà e il consumo di cibi integrali (come il pane integrale al posto della farina bianca), tutte pratiche che oggi diamo per scontate, ma all’epoca erano molto controverse.

La dieta a base di frutta del Dott. Emmet Densmore (1890)

Il concetto di una “dieta a base di frutta” deriva probabilmente dal dottor Emmet Densmore, un medico inglese che pubblicò nel 1890 un libro intitolato “The natural food of man” (qui in inglese). Densmore era un uomo malato e non trovava sollievo ai suoi problemi di lombalgia persistente in una dieta puramente vegetariana. Quindi adottò una dieta a base di frutta, noci, latte, uova e formaggio.

Il suo libro contiene in gran parte prove piuttosto aneddotiche sul danno dei prodotti a base di cereali e sui benefici di una dieta a base di frutta, principalmente cruda.

L’igiene naturale di Herbert Shelton (1895-1985)

Shelton divenne, in gioventù, uno studente appassionato degli scritti dei primi riformisti della salute, e procedette a consolidare tutte le loro teorie in una filosofia unificata che chiamò “Igiene Naturale”. A trent’anni scrisse il suo grande libro “Human Life, Its Philosophy, and Laws” (In italiano qui).

Gestì in seguito un centro salutista in Texas dove praticava il digiuno e una dieta alimentare igienista, per lo più cruda.

Tutto il moderno movimento dell’igiene naturale proviene da Shelton, anche se guadagnò ancora più popolarità quando sopraggiunse T.C. Fry e più tardi quando fu pubblicato il libro “Fit For for Life” negli anni ’80. Tutti i promotori dell’igiene naturale di oggi sono studenti di Shelton, che scrisse più di 50 libri.

Oggi abbiamo interpretazioni più moderne di questo approccio con:

  • La dieta per l’inversione di malattie cardiache del dott. Dean Ornish. Il dott. Ornish è stato il primo a dimostrare attraverso una vasta ricerca che la malattia coronarica può essere invertita, apportando cambiamenti completi nella dieta e nello stile di vita, compresa una dieta vegetariana a basso contenuto di grassi.la startch solution
  • Esselstyn con il suo famoso libro come prevenire e guarire le malattie cardiache con l’alimentazione.
  • Altri sostenitori della dieta a basso contenuto di grassi includono il dott. McDougall, che raccomanda una dieta a basso contenuto di grassi per decenni e i cui risultati sono ben documentati. Il suo libro principale è “The Starch Solution“.
  • Colin Campbell che ha scritto The China Study.
  • Troviamo inoltre anche la maggior parte dei medici vegani e vegetariani che hanno scritto libri e fatto ricerche, come il Dr. Klaper, il Dr. Greger, il Dr. Neal Barnard, il Dr. Joel Fuhrman e molti altri.

 

I due approcci possono funzionare?

Guardandola in questo modo e superando le piccole differenze sui dettagli, possiamo vedere approssimativamente la seguente immagine:

Abbiamo il modello medico che è promosso attraverso molti famosi blogger, libri best-seller, giornali, riviste e centri fitness.

Questo modello di solito raccomanda una dieta ricca di grassi, con molte proteine animali. Può anche essere chetogenico.

Poi abbiamo il modello “salutare”, che è promosso da medici e ricercatori orientati alla salute ed è supportato da una grande quantità di dati.

Questo modello si concentra sul mangiare i cibi che sono veramente utili per una salute formidabile:

  • Frutta
  • Verdure
  • Noci e semi
  • Legumi (non raccomandati dall’Igiene Naturale)
  • Cereali integrali (non raccomandati dall’Igiene Naturale).

Ci sono alcune differenze negli approcci, e troverai persino opzioni non vegane nell’approccio “salutare”. Ma i prodotti animali svolgono solo una piccola parte nel loro programma e l’attenzione è sempre sui cibi vegetali.

 

Due domande da porre

Molte persone sono totalmente confuse a riguardo e non riescono a capire chi ha ragione e chi ha torto.

Uno dei miei lettori più attenti in un’e-mail di recente mi ha chiesto:

“(…) professionisti, promotori e ricercatori LCHF (Low Carb, High Fat) di successo affermano di essere in grado di sentirsi alla grande, eliminare i loro problemi di salute, e hanno più che mai energia mentale e concentrazione. Inoltre, sosterrebbero che tutti gli studi che affermano di mostrare effetti collaterali dal consumo di grassi soffrono di uno o entrambi i suddetti problemi. Sentono che la loro dieta sia la migliore non solo dal punto di vista della salute fisica ma anche dal punto di vista dell’intelligenza, della concentrazione e della produttività. Il loro approccio LCHF sembra aver guadagnato molta più attrazione rispetto al tuo approccio LFHC (Low Fat, High Carb) negli ultimi anni, specialmente in luoghi come la Silicon Valley dove la produttività mentale è di primaria importanza. Quali sono le tue opinioni su questo approccio dietetico? Il mio sospetto a lungo termine è che potrebbe essere inferiore al tuo approccio LFHC, almeno rispetto alla salute fisica, ma non sono sicuro che ci sia una prova di tutto ciò. I sostenitori LCHF possono avere ragione riguardo a tutti gli studi che vengono fatti su persone (o animali) la cui dieta non era veramente povera di carboidrati e/o le cui fonti di grassi erano nocive e/o sbilanciate.”

Qui abbiamo alcune domande legittime riguardo ai due approcci. Lascia che inizi con le mie due domande:

Quale approccio è stato utilizzato con successo per aiutare le persone malate a superare gravi problemi di salute come malattie cardiache e malattie autoimmuni?

Il vincitore qui è l’approccio salutare.

Non vi è alcuna ricerca che dimostri che una dieta a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi possa invertire la malattia cardiaca. Anche se troverete alcune prove che questo tipo di dieta possa aiutare varie condizioni di salute, le prove sono a favore dell’approccio salutare.

Per quanto riguarda la produttività mentale, la vedo come nient’altro che un’altra di quelle “trappole stimolanti”. Anche i fautori di questa dieta, come Tim Ferriss e Dave Asprey, promuovono vari tipi di farmaci prescritti e legali, inclusi vari intrugli di caffeina, modafinil (una potente droga anti-narcolessia usata da Dave Asprey e dai suoi seguaci), e altri metodi troppo numerosi da menzionare. Se leggi il libro di Tim Ferriss Four-Hour Body, sai che ha praticamente sperimentato ogni stimolante alla luce del sole per la sua ossessione di raggiungere stati di massima produttività. Ma in una recente intervista, l’ho sentito dire che “niente è gratis” e questi farmaci hanno tutti i loro effetti collaterali.

È forse una sorpresa che la dieta LCHF sia più popolare nella Silicon Valley, dove la filosofia è quella di favorire la produttività e il successo materiale a spese della tua salute? Molti dirigenti della Silicon Valley spingono i propri dipendenti a lavorare per settimane lavorative di 70-90 ore, spesso fino all’esaurimento totale. La loro propensione a seguire una dieta LCHF è un’altra di quelle idee che favoriscono risultati rapidi a scapito della salute a lungo termine.

 

Qual è la dieta delle culture più longeve al mondo?

I fautori del modello medico spesso sottolineano la robusta salute dei cacciatori-raccoglitori. Ma le loro prove che queste persone abbiano seguito una dieta molto povera di carboidrati, sono deboli. Non è nemmeno una prova di longevità, poiché questi gruppi non vivevano a lungo.

Le culture longeve che abbiamo studiato finora non seguono una dieta povera di carboidrati.

Quando si considerano gli studi epidemiologici, si scopre anche che gli alimenti ricchi di carboidrati non sono legati alla malattia, ma aumentano la longevità.

Come ho sottolineato prima, le società oggi con l’indice di massa corporea più basso non seguono una dieta a basso contenuto di carboidrati. Mangiano una quantità elevata o media di carboidrati.

Comments

commenti

Iscriviti e Ricevi Omaggi e Nuovi Articoli

crudo e salute omaggi

Grazie! Controlla la tua email!

LASCIA LA TUA EMAIL

Ricevi i 10 Errori Insospettabili nella Dieta Crudista

Grazie! Il PDF è in arrivo, controlla la tua email.

Share This