Le allergie alimentari sono influenzate da ciò che mangiamo e dallo stile di vita moderno. Ecco come una dieta vegetale ricca di probiotici può aiutarci a sconfiggere le allergie.

allergie alimentari

Ciò che metti dentro influisce sulle tue reazioni a ciò che c’è fuori

Otto alimenti provocano il 90% di tutte le reazioni allergiche. I “grandi otto” sono:

  • latte
  • uova
  • arachidi
  • noci
  • soia
  • frumento
  • pesce
  • frutti di mare.

Anche solo tracce di questi otto cibi possono provocare reazioni abbastanza gravi da spedire qualcuno al pronto soccorso.

Diversamente dall’intolleranza alimentare, che si sviluppa nel tempo e richiede grandi quantitativi di un determinato alimento per provocare malessere, l’allergia alimentare è una seria patologia.

Una reazione allergica al cibo può alterare il respiro, causare eruzioni cutanee, flatulenza e gonfiori dolorosi, vomito e diarrea. Al peggio, le allergie alimentari possono provocare una reazione anafilattica, un condizione pericolosa che richiede un intervento medico d’urgenza.

Un numero sempre maggiore di bambini ha qualche allergia alimentare. Tempo fa circa 1 bambino ogni 13, o circa 2 in ogni classe, aveva qualche allergia. Ma, negli ultimi dieci anni, i ricercatori del Murdoch Children’s Research Institute in Australia hanno trovato che il 10% dei bambini di 12 mesi ha qualche allergia alimentare clinicamente confermata. Dati simili si applicano alla Gran Bretagna e agli Stati Uniti. Il Center for Disease Control riporta che le allergie alimentari nei bambini sono aumentate di più del 50% dal 1997.

 

Le allergie sono aumentate a causa dello stile di vita moderno

Nessuno sa esattamente perché le allergie stiano diventando più comuni e più gravi, ma esistono diverse teorie. Secondo “l’ipotesi igienista” in un passato non troppo remoto il nostro sistema immunitario era più in sintonia con l’ambiente circostante. I bambini giocavano nello sporco e prendersi dei parassiti faceva parte della crescita. Una volta, secondo questa ipotesi, con un’ampia gamma di microbi e a un più ricco microbiota di probiotici, le allergie erano rare. Il nostro microbiota intestinale era molto diverso, e il nostro sistema immunitario più finemente calibrato.

Altre teorie considerano l’abuso di antibiotici durante l’infanzia, che causano una parziale sterilizzazione dell’intestino, come il punto critico nel passaggio da un microbiota favorevole alla vita sulla terra a uno che è allergico alla vita.

La dieta occidentale a base di cibi raffinati gioca un ruolo significativo nel danneggiare il microbiota di un bambino. Nutrire i neonati con formule a base di latte di mucca o di soia può causare da sintomi lievi come le coliche a gravi forme di allergie. Molte formule contengono farina di frumento e fruttosio, entrambi associati alle intolleranze alimentari.

Dal momento che i sintomi lievi possono passare inosservati, sensibilità non diagnosticate al cibo sono comuni nei neonati che assumono latte artificiale.

Ricerche mediche hanno trovato che, nei paesi sviluppati, nei neonati nutriti col latte formulato è aumentato il rischio di infezioni alle orecchie, gravi infezioni ai polmoni, eczema, asma e obesità infantile, oltre che il rischio di ammalarsi di diabete in seguito.

Nel tempo, i cibi innaturali, raffinati e iper-dolcificati distruggono l’equilibrio interno del corpo. L’allattamento al seno e i cibi naturali frullati sono di gran lunga più salutari per i neonati.

Qualunque sia il motivo, che sono sicuro sia una combinazione di un ambiente troppo asettico, troppi antibiotici e troppi cibi raffinati, i bambini di oggi hanno un microbiota intestinale danneggiato e hanno più allergie.

Di più è meglio

Ospitiamo almeno 400 diversi tipi di batteri nel nostro intestino. Cosa succede se gli antibiotici ne uccidono alcuni e i cibi raffinati ne fanno morire di fame qualche altro? Il nostro sistema immunitario può funzionare bene lo stesso se ne abbiamo solamente 300? Non solo il numero, ma anche i giusti tipi di batteri sono importanti.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini allergici hanno un microbiota composto in modo differente, rispetto ai bambini non allergici. Quelli allergici hanno più batteri Clostridium e meno Barteroides.probiotici e allergie

La soluzione sembra troppo semplice

Per quanto riguarda le allergie, certi batteri intestinali sono più importanti di altri. I ricercatori hanno scoperto che somministrare Bacteroides fragilis migliora la tolleranza alimentare. Anche una quantità sufficiente dei comuni probiotici dell’infanzia, come i Bifidobacteria e i Lactobacilli, si associa a meno allergie.

Le allergie di tutti i tipi sembrano aggregarsi insieme. I bambini che soffrono di allergie alimentari sono 4 volte più propensi a soffrire di altre condizioni allergiche come asma, eczema, allergia ai gatti o al polline.

A volte, i bambini “superano crescendo” le loro allergie. Diventando più grandi, il loro sistema immunitario si stabilizza come se fosse stato curato.

Tuttavia, non sono solo i bambini a reagire al cibo. Man mano che le persone invecchiano, il loro sistema immunitario si indebolisce. L’amato toast preso abitualmente a colazione diviene causa di gonfiori e crampi addominali.

Cosa puoi fare?

Evita i cibi allergenici: nei casi di allergie gravi ai cibi più allergenici, la scelta migliore è non mangiare mai i cibi che provocano reazioni.

Evita le arachidi: dal momento che le arachidi sono il principale cibo allergenico, per i bambini e gli adulti sensibili ha senso evitarle.

Assumi probiotici: la prima linea di difesa contro le allergie alimentari sono i probiotici. Si sa anche che essi riducono i sintomi dell’autismo. La maggior parte della ricerca si è focalizzata sui Bacteroides fragiles. Sfortunatamente, un prodotto che contenga questo tipo di probiotici non è ancora accessibile ai consumatori.

Le formule probiotiche infantili tipicamente contengono i ceppi Lactobacillus e Bifidobacteria, assieme a dei prebiotici. I ricercatori hanno trovato che integrare la tua dieta e quella dei tuoi bambini con questi semplici probiotici aiuta a ridurre le allergie alimentari.

Probiotici infantili:

  • Lactobacillus Rhamnosus
  • Lactobacillus casei
  • Lactobacillus salivarius
  • Lactobacillus paracasei
  • Bifidobacterium infantis
  • Bifidobacterium bifidum
  • Bifidobacterium longum
  • Bifidobacterium breve

Non dimenticare i prebiotici. I prebiotici sono carboidrati non digeribili che promuovono la crescita dei probiotici nell’intestino. I prebiotici più comunemente usati sono i fruttoligosaccaridi (FOS), un tipo di fruttani.

Sfortunatamente, molte persone sono sensibili ai fruttani perciò i FOS non sono una buona scelta per le persone o i bambini sensibili ai fruttani. Il miglior modo per ottenere salutari prebiotici è attraverso la dieta.

Ecco i 10 migliori cibi prebiotici:

  1. Radice di cicoria
  2. Topinambur
  3. Foglie di tarassaco
  4. Aglio
  5. Cipolla cruda
  6. Asparagi
  7. Crusca di frumento
  8. Farina di frumento
  9. Banana

I prebiotici forniscono fibre. Tutta la verdura e la frutta sono ricche di fibre, come lo sono i cereali integrali e i legumi. Una dieta a base vegetale fornisce fibre a sufficienza, tuttavia per ripristinare il microbiota intestinale potresti aver bisogno di un integratore di probiotici e prebiotici.

La cura per le allergie alimentari potrebbe essere semplice come mangiare più cibi naturali freschi, non troppo cotti, appena colti dall’orto dove la terra stessa provvede a fornire al tuo corpo di una varietà di batteri benefici.

 

Comments

commenti

Iscriviti e Ricevi Omaggi e Nuovi Articoli

crudo e salute omaggi

Grazie! Controlla la tua email!

LASCIA LA TUA EMAIL

Ricevi i 10 Errori Insospettabili nella Dieta Crudista

Grazie! Il PDF è in arrivo, controlla la tua email.

Share This