Qualche anno fa, in seguito ad un viaggio nell’isola di Roatan, mi sono reso conto di aver compreso qualcosa sul pesce.

Stavo facendo un’immersione subacquea per esplorare le scogliere incontaminate di questa famosa isola al largo della costa dell’Honduras. La maggior parte degli ospiti veniva dal Quebec. E’ stato facile fare amicizia, e fin dal primo giorno di immersioni, una parte del gruppo si è sentito unito come se ci fossimo conosciuti per decenni, come cugini di una grande famiglia allargata.

Le immersioni sono state meravigliose. Grazie ad un po’ di fortuna geografica, le Bay Islands non hanno visto il livello di degrado e sbiancamento causato dagli oceani più caldi e dall’inquinamento, come in altre aree del mondo, come alle Hawaii o in Australia. La barriera corallina è in condizioni apparentemente incontaminate, e lì la vita marina fiorisce ancora.

Abbiamo nuotato nelle valli della barriera corallina, formazioni simili a grotte che vanno avanti per miglia. Abbiamo contemplato con stupore la miscela di colori del corallo ed ammirato la grazia degli animali che vi abitano. 

Le scogliere brulicavano di piccoli e grandi pesci, tartarughe, delfini giocosi, polpi che cambiavano forma, anguille primordiali, cavallucci marini fluorescenti, e le creature più strane che, sebbene identificate dai biologi e trovate nei libri, mi hanno fatto riflettere sulle meraviglie e sui misteri dell’oceano.

Cosa mi ha Fatto Capire l’Immersione

Prima di iniziare le immersioni subacquee, l’oceano mi è sempre sembrato un luogo spaventoso: buio, insidioso e pronto a inghiottirmi nelle sue profondità.

Ma dopo aver passato un po’ di tempo sotto la superficie e tra le creature che ci vivono, ho avuto un’esperienza diversa, più simile a quella di un incantevole giardino delle meraviglie. Animali che sembravano spaventosi, come gli squali, si fondevano nel paesaggio.

fauna marina

Sembrerebbe logico che i subacquei, più di tutti, sappiano quanto sia prezioso l’oceano. 

E che dopo aver visto le bellezze dell’oceano, si sentissero in colpa nel cibarsi di pesce.

Ma durante il mio soggiorno a Roatan, mi sono reso conto che c’è un enorme scollamento tra la nostra esperienza e le nostre abitudini alimentari.

Me ne sono reso conto quando il nostro piccolo gruppo si è avventurato fuori dal resort nella città più vicina per passare la nostra unica serata in un ristorante con vista sulla baia. Quando mi è stato presentato il menu, ho sentito una strana sensazione di stupore quando ho notato che l’offerta ruotava principalmente intorno al pesce. Lo stesso pesce con cui avevamo nuotato durante le immersioni di tutta la settimana!

Aragosta spinosa, mahi-mahi-mahi “appena pescato”, tonno e simili. 

Mi ricordo le aragoste viste durante l’immersione. 

Mi sono reso conto che il motivo per cui abbiamo faticato a trovarle era probabilmente il fatto che venivano servite ogni sera nei ristoranti dell’isola.

Ho ordinato l’insalata e ho lasciato il ristorante affamato.

E ho pensato a Sylvia Earle, un’importante biologa marina dedita alla sensibilizzazione sulla protezione dell’oceano. Nel 1998, è stata nominata da Time Magazine come prima “Eroina del Pianeta”.

Sylvia Earle e il presidente Obama

In un’intervista, scrive che quando ha iniziato ad immergersi, c’erano due miliardi di persone sul pianeta. Ora siamo a 7.6 e questa popolazione in crescita ha una preferenza di gusto per le proteine del pesce.

Sylvia Earle sa delle devastazioni dell’industria della pesca e di come le popolazioni di molte specie sono crollate di oltre il 90% nel corso della sua vita. In un’intervista, ha detto sul mangiare pesce: “pensate a loro come fauna selvatica prima di ogni altra cosa”. Questo ha sempre avuto una certa risonanza in me.

Naturalmente, può dirvi tutto su come la nostra passione per il sushi è stata devastante per le popolazioni ittiche. E’ anche consapevole di come abbiamo contaminato gli oceani, rendendo i pesci più tossici che mai. E’ anche molto critica nei confronti dell’etichetta “pesce sostenibile”, e dei pesci piccoli che vengono usati per produrre olio di pesce e dei pericoli che si nascondono dietro l’allevamento ittico.

Ma prima di tutto, Sylvia Earle non mangia pesce perché è convinta che sia una risorsa che dobbiamo preservare. Con le sue stesse parole:

“Fondamentalmente ho capito il valore dei pesci nell’oceano, così come abbiamo capito il valore degli uccelli per mantenere il pianeta funzionante a nostro favore. Immaginate un mondo senza uccelli. Immaginate un mondo senza pesci”.

Se questo da solo non ti convince, diamo un’occhiata al perché mangiare pesce è una delle peggiori scelte che puoi fare per la tua salute e per l’ambiente.

La Pesca Commerciale è un Disastro

Uno studio quadriennale pubblicato sulla rivista Science, nel 2006, prevedeva che nel 2048 il mondo sarebbe rimasto senza frutti di mare, anche se questo è discutibile, è chiaro che la pesca eccessiva ha già decimato le popolazioni ittiche in tutto il mondo.

Mentre tradizionalmente la pesca era un’attività pacifica che non era abbastanza efficace da mettere in pericolo una specie, le pratiche attuali sono simili alla pesca con la dinamite (la pesca con l’esplosione è una vera e propria tecnica, anche se illegale nella maggior parte dei luoghi). Potreste aver sentito parlare della pesca a strascico, dove reti giganti vengono tirate lungo un fondo marino e rimuovendo fino al 25% della vita marina presente in quella zona in una sola volta. C’è anche il problema delle catture accessorie, che non riguarda solo delfini e tartarughe, ma ogni sorta di specie catturate nelle reti e scartate come scarpe vecchie.

Ma al di là delle singole tecniche di pesca di cui potremmo discutere per giorni, il nocciolo della questione è che ci sono troppe persone sul pianeta, e ci stiamo estendendo eccessivamente con pratiche dannose che hanno già causato la fine della maggior parte delle popolazioni ittiche

In questo contesto, qualsiasi attività di pesca o piscicoltura volta ad alimentare un pianeta in crescita non può che essere disastrosa dal punto di vista ambientale.

Non Puoi Fidarti di Ciò che c’è Sul Tuo Piatto

Quando compri un sacchetto di mele, non penseresti mai per un attimo che potrebbero essere pere. Ma il pesce, che compri non è necessariamente quello che hai pagato.

Un rapporto dettagliato di Oceana ha dimostrato come i frutti di mare siano etichettati erroneamente nel 59% dei casi.

Il branzino è stato sostituito dal merluzzo dell’antartico, il salmone selvatico con salmone d’allevamento, il dentice con qualsiasi cosa bianca (compresa la tilapia) e il tonno bianco con l’escolar. I campioni raccolti provenivano da varie fonti, tra cui ristoranti di alto livello.

E se ci si sente rassicurati acquistando salmone biologico invece di salmone d’allevamento, si dovrebbe considerare il fatto che l’ambiente dell’acqua biologica non segue gli stessi standard dei prodotti biologici di terra.

Il salmone biologico è un tentativo disperato da parte dell’industria del salmone di rispondere alle richieste dei consumatori che giustamente evitano il salmone d’allevamento a causa di considerazioni ambientali e di contaminazione.

Gli acquacoltori biologici possono utilizzare molte delle stesse sostanze chimiche utilizzate dall’industria tradizionale, come i trattamenti antiparassitari contro i pidocchi marini, le sostanze chimiche a base di cloro come la formalina (conservante e disinfettante) per prevenire la crescita di funghi, e il foraggio discutibile, che consiste “nei rifiuti della sfilettatura (sangue, budella, code, teste) del pesce raccolto per il consumo umano”.

Tutti i pesci sono contaminati

Non c’è nessun altro esempio di un alimento che può essere contaminato da tante fonti diverse come il pesce. Ci sono, naturalmente, alcune tossine che possono finire nei pesci, come la ciguatera, che può portare a gravi problemi neurologici. Il pesce scarsamente refrigerato può anche portare all’avvelenamento da sgombroide, una malattia di origine alimentare che rende molte persone diffidenti nei confronti dei pesci di dubbia provenienza.

I pesci possono essere contaminati da alghe tossiche, il che provoca molti tipi di avvelenamento. Questo tipo di malattia è più comune con i crostacei.

Sappiamo naturalmente che alcuni pesci contengono mercurio. Anche se la maggior parte delle persone non se ne preoccupano troppo.

Il pesce crudo può anche contenere parassiti, che possono essere una preoccupazione se si mangia sashimi, sushi, ceviche altri piatti di pesce crudo simili. 

Il pesce deve essere congelato ad una certa temperatura per un tempo sufficiente ad uccidere quei batteri, e i congelatori domestici potrebbero non fare bene il lavoro. Alcune persone non lo sanno e mangiano cocktail parassitari come la tartare di salmone selvatico, anche se uno studio recente ha dimostrato che il 100% del salmone selvatico del Pacifico è infettato da un parassita. Anche se le infezioni parassitarie da pesci sono rare in una nazione sviluppata, si verificano occasionalmente.

Oltre alle alghe tossiche, ai parassiti e ai metalli pesanti, i pesci possono essere inquinati da molti prodotti chimici tossici, a seconda dell’acqua in cui hanno vissuto.

Rispetto alle Proteine Vegetali, il Pesce non è Sano

Gli operatori sanitari spesso raccomandano alle persone di “mangiare più pesce”. Ma dove sono le prove che questo sia davvero sano?

Mangiare più pesce è solo più sano che mangiare altri alimenti animali ad alto contenuto di colesterolo e grassi saturi (molti tipi di pesce sono generalmente a basso contenuto di grassi saturi).

Ma alcuni studi hanno dimostrato che passare dalla carne di manzo al pollo o al pesce non fa molta differenza nei livelli di colesterolo.

Il pesce non contiene fibre ed è povero di antiossidanti e fitonutrienti. Gli Omega-3 che contiene sono facilmente reperibili in alimenti vegetali come noci e semi di lino. Una leggenda metropolitana afferma che il nostro corpo non converte gli acidi grassi negli alimenti vegetali anche nel DHA e nell’EPA di cui abbiamo bisogno. Ma questo non è mai stato dimostrato.

Gli integratori Omega-3, di pesce o altro, sono popolari e sono stati raccomandati per depressione, morbo di Alzheimer, ipertensione, artrite, e persino nei casi di colesterolo alto. Ma un nuovo report pubblicato dal rigoroso gruppo Cochrane, che analizza oltre 79 studi che coinvolgono più di 112.000 persone, fa luce sulla questione.

Aumentare l’assunzione di EPA e DHA può abbassare leggermente i trigliceridi e aumentare il colesterolo HDL (quello “buono”). Tuttavia, hanno concluso che l’assunzione di integratori Omega-3 non previene le malattie cardiovascolari. Altri studi non hanno dato i risultati entusiasmanti di questo integratore che speravamo di ottenere.

Martin Juneau, dell’Institut de Cardiologie de Montréal, scrive: “Ci abbiamo creduto a lungo, ma alla fine è stato forse troppo semplicistico risolvere alcuni problemi con una pillola”.

Si scopre che i benefici della dieta mediterranea sono dovuti a molti fattori, come la maggiore assunzione di frutta, verdura e cereali integrali. Non esiste una magica soluzione come quella di prendere capsule di olio di pesce o bere vino rosso.

Juneau scrive anche che: “Per molto tempo abbiamo detto che gli Omega-3 di pesce erano migliori di quelli di origine vegetale perché erano di natura a catena lunga e più facili da assimilare. Questo modo di pensare è finito“.

Poiché ritengo che tutto quello discusso finora dovrebbe essere sufficiente per concludere la discussione sul pesce, non voglio continuare a strofinare il sale nella ferita esponendo altri problemi offensivi associati al consumo di pesce. Ma devo almeno menzionare il problema recentemente discusso dell’accumulo di microplastica nell’ambiente, che finisce nel pesce. Gli effetti sulla salute umana sono finora sconosciuti.

Naturalmente, molti punti sono discutibili. Si potrebbe sostenere che avete bisogno di proteine in più, e che è molto più sano, e che i benefici superano i rischi di inquinamento ambientale. Si potrebbe anche dire di avere accesso ad una fonte speciale di pesce che è presumibilmente “pulita” e responsabile per l’ambiente.

Anche se questi punti fossero validi, non mangerei comunque pesce. Il motivo principale per cui dovremmo boicottare tutto il consumo di pesce è che alla fine, stiamo pescando nei nostri oceani, una risorsa preziosa il cui equilibrio è stato spinto all’estremo. Non solo, ma stiamo prima inquinando i nostri oceani, poi spogliandoli della vita che contengono, ingerendo la carne di quelle creature contaminate nel nostro corpo, sempre più inquinato, perpetuando il ciclo di distruzione, prima dei nostri oceani, poi della nostra salute.

Lasciate i vostri commenti qui sotto.

Comments

commenti

Iscriviti e Ricevi Omaggi e Nuovi Articoli

crudo e salute omaggi

Grazie! Controlla la tua email!

LASCIA LA TUA EMAIL

Ricevi i 10 Errori Insospettabili nella Dieta Crudista

Grazie! Il PDF è in arrivo, controlla la tua email.

Share This