Perché il colesterolo conta!

In un articolo epico, le ragioni per cui nelle società occidentali tutti dovremmo prestare attenzione a questo fattore di rischio.

colesterolo dibattito

 

Attenzione: le seguenti informazioni possono salvarti la vita!

E’ abbastanza raro che io cominci un articolo con un’affermazione così clamorosa.

E, in generale, le parole “salvarti la vita” sono piuttosto abusate. Girano video virali su come salvarsi grazie a un martello (se la tua auto finisce in un fiume e non riesci ad aprire il finestrino), o su come le “palle tsunami” possano salvare migliaia di vite.

Di fatto, tendiamo a preoccuparci per cose molto improbabili. Ad esempio, potresti preoccuparti per il crimine violento, gli incidenti, il terrorismo o il tumore al cervello. Ma in realtà, le probabilità che tu muoia per una di queste cause è relativamente bassa.

Invece non ci preoccupiamo abbastanza per le cose che più probabilmente ci uccideranno.

Ad esempio… le malattie cardiache.

  • Sono ancora la prima causa di morte negli Stati Uniti. Per mettere le cose nella giusta prospettiva, una morte su quattro, ovvero circa 600000 persone all’anno, è causata da malattie cardiache.
  • In Canada sono la seconda causa di morte, dopo il cancro.
  • In Europa, le statistiche sono ancora più scioccanti. Più della metà delle morti è dovuta a malattie cardiache.

Ok, le malattie cardiache sono un grosso problema. Ma perché ne parlo ora?

Perché voglio metterti in guardia dal mangiare uova, carne e latticini e sostenere ancora la convinzione assurda che il colesterolo alto provoca le malattie cardiache?

Sì.

E’ esattamente ciò che sto per fare, ma senza le assurdità. Perché…

  • Al momento su internet c’è troppa disinformazione su questo argomento e il risultato è che migliaia di persone muoiono.
  • L’argomento mi sta a cuore.

Per quanto riguarda quest’ultimo punto, persi mio padre a soli 35 anni (lui ne aveva 63) per un attacco di cuore. Mio padre, proprio come la maggior parte delle persone, non prese mai sul serio i propri disturbi, fino a che gli tolsero la vita.

Il suo stile di vita non era il massimo, e sospetto che molti dei miei lettori pensino, “Questo a me non può accadere, poiché conduco una vita sana”.

Non ho le statistiche sulle più comuni cause di morte nell’ambiente vegano, paleo, o “naturale”, ma da prove aneddotiche dovrebbero essere più o meno le stesse della popolazione generale.

Numerosi salutisti e vegani famosi sono morti per malattie cardiovascolari – e se non presti attenzione a questo argomento importante e non agisci di conseguenza, c’è una buona probabilità che succeda lo stesso anche a te.

Perché? 

Perché è un problema comunissimo nelle società occidentali.

Immagino che tu viva in un paese occidentale e che perciò tu sia esposto agli stessi rischi di chiunque altro. Sei cresciuto con lo stesso tipo di dieta, e nonostante i tuoi sforzi per cambiare il tuo stile di vita, il rischio che hai di morire per problemi cardiovascolari è piuttosto alto – se confrontato con quello quasi inesistente che avresti se fossi cresciuto in una società più tradizionale.

Forse stai cominciando a mettere in discussione l’allarmismo con cui ho attaccato questo articolo, ma ecco le mie motivazioni:

  • Voglio catturare la tua attenzione.
  • Scegliere di agire sulla base di informazioni sbagliate può portarti a morte prematura.
  • Mi piaci e preferirei che rimanessi in vita e continuassi a leggere i miei articoli.

Capito? Perciò, cominciamo!

 

Il colesterolo e le malattie cardiache

Ogni volta che scrivo un articolo che mette in guardia dal mangiare carne, uova e altri cibi ricchi di colesterolo, ricevo risposte appassionate e arrabbiate di lettori che riportano più o meno le stesse informazioni che continuano a circolare online.

Ecco alcune repliche al mio ultimo articolo sulle uova:

“Sei completamente disinformato per quanto riguarda le “uova”. Non esistono ricerche scientifiche che condannino il colesterolo nelle uova. Il nostro cervello ha bisogno del colesterolo per funzionare e senza di esso le nostre cellule cerebrali non possono crescere. Le uova contengono molti nutrienti di cui il nostro corpo ha bisogno, specialmente i tuorli.”

“Le uova sono un cibo ideale, ma devono essere biologiche, provenire da allevamenti liberi e non essere stracotte. Non ci sono sufficienti studi per affermare che mangiare uova faccia aumentare il colesterolo, in chi segue uno stile di vita sano. Il corpo, specialmente, il nostro cervello, necessita di colesterolo, che è il precursore di molti ormoni.”

“Abbiamo bisogno del colesterolo! Non è un vero indicatore per i disturbi cardiovascolari. Il vero indicatore è l’omocisteina.”

 

Un filo comune in queste risposte è la necessità di consumare colesterolo attraverso il cibo, dato che “il nostro cervello ha bisogno di colesterolo”. Vedremo tra poco che questa affermazione è falsa.

Cosa più importante ancora, le repliche mostrano che queste persone hanno fatto ricerche in internet. Per lo più su blog anti-vegetariani, che lamentano una sorta di cospirazione contro il colesterolo.

Le principali affermazioni fatte da questi autori antivegetariani sono:

  1. Il colesterolo alto non è la causa primaria delle malattie cardiache.
  2. Le diete che contengono molti grassi saturi e colesterolo non causano malattie cardiache.
  3. I grassi saturi non fanno aumentare il colesterolo.
  4. Mangiare cibi di origine animale non fa aumentare il colesterolo o il rischio di malattie cardiache.

Tutte queste affermazioni sono false. Scegliere di crederci è qualcosa che fai a tuo rischio e contro tutte le prove disponibili.

Naturalmente, è importante spiegare. Altrimenti, ecco ciò che è probabile accada:

  • Se pensi che il colesterolo alto non sia la causa primaria delle malattie cardiache, probabilmente non darai peso ai valori del colesterolo, e continuerai con la tua dieta e il tuo stile di vita corrente.
  • D’altro canto, se accetti la premessa che il colesterolo LDL alto è la causa primaria delle malattie cardiache, probabilmente prenderai più sul serio i tuoi valori e agirai di conseguenza.
  • Se credi che una dieta ricca di colesterolo e grassi saturi non sia la causa dei problemi cardiovascolari, è probabile che ti sentirai autorizzato a mangiare molto grassi.
  • D’altro canto, se accetti la premessa che le diete ricche di grassi saturi e colesterolo sono un fattore primario di rischio per le malattie cardiovascolari, è più probabile che agirai in modo differente, mangerai in modo differente, e fari del tuo meglio per evitare bistecche, uova, pollo e latticini grassi.

 

Cosa sono le malattie cardiache?

Anzitutto, definiamo cosa sono le malattie cardiache, in modo da non perderci per strada nella nostra ricerca della verità. D’ora in poi, mi riferirò ad esse con la definizione malattie cardiovascolari (CVD, CardioVascular Disease).

Le CVD sono una serie di patologie che coinvolgono il cuore o i vasi sanguigni. Sotto il loro ombrello si raccolgono molti disturbi: angina, attacco di cuore (infarto del miocardio), ictus, e molti altri.

La primaria patologia che conduce alle malattie cardiache è l’aterosclerosi. Quello che vuoi è prevenire l’aterosclerosi!

L’aterosclerosi è principalmente un ispessimento delle arterie dovuto a un accumulo che chiamiamo “placche”. Queste contengono colesterolo, cellule morte, globuli bianchi, e una serie di altre cose.

Possiamo capire che l’aterosclerosi è un processo lesivo e infiammatorio.

Alcune altre informazioni cruciali:

  • L’aterosclerosi è completamente asintomatica. Può andare avanti per decenni senza che te ne accorgi o che ci siano alterazioni notevoli nel tuo sangue.
  • Il processo più comune che conduce a un attacco di cuore non è necessariamente il restringimento progressivo delle arterie, ma piuttosto la rottura improvvisa di una placca, che porta a una sorta di “trombo” – che rapidamente blocca o rallenta il flusso del sangue.
  • Se sei nato in un paese occidentale e sei stato esposto alla tipica dieta occidentale, probabilmente hai un certo grado di aterosclerosi – anche se per parte della tua vita adulta hai seguito la dieta più sana.
  • Questo ha portato il dottor Greger a dire (sto parafrasando): la questione non è “cosa fare per prevenire le malattie cardiache” ma piuttosto “cosa fare per curare le malattie cardiache che hai già”.

L’ultimo punto è importante.

Io ho problemi cardiovascolari; tu hai problemi cardiovascolari. Tutti abbiamo problemi cardiovascolari. Poiché chiunque sia esposto allo stile di vita occidentale sviluppa l’aterosclerosi fin da giovane.

Non capitano solamente alle persone che mangiano hamburger o fumano due pacchetti di sigarette ogni giorno. Capitano a tutti. E’ solo una questione di tempo, e la sola ragione per cui non uccidono tutti è che qualcuno finisce per morire prima a causa di altri disturbi.

Quindi, il nostro obiettivo non è prevenire le malattie cardiache.

Il nostro obiettivo è evitare il peggioramento dei disturbi cardiovascolari che già abbiamo così che possiamo morire di qualcos’altro (idealmente una causa naturale alla giusta età!). Possiamo addirittura far regredire alcune placche aterosclerotiche.

La buona notizia è che se non facciamo peggiorare i disturbi cardiovascolari che abbiamo, molto probabilmente staremo bene e non accuseremo mai alcun sintomo.

 

Il colesterolo alto è il fattore primario di rischio

Le CVD sono un disturbo complesso che coinvolge molti fattori e include un processo infiammatorio.

Ma la cosa importante da ricordare è che livelli elevati di LDL sono il fattore più importante di tutti.

Senza un LDL alto, è quasi impossibile sviluppare le CVD, anche se uno si espone a comportamenti a rischio come fumare ed essere sedentario. Se i livelli di LDL rimangono bassi (sotto 70-80 mg/dl), l’aterosclerosi non si verifica.

Le prove:

Ci sono diverse prove cui possiamo attingere per supportare la nostra affermazione che livelli alti di LDL sono la causa primaria delle CVD.

  • Le società tradizionali dove i livelli di colesterolo sono inferiori a 150 mh/dl (colesterolo totale) non conoscono quasi l’aterosclerosi e le CVD.
  • D’altra parte, all’aumentare dei livelli di colesterolo in altre società, la prevalenza delle CVD aumenta.
  • Il colesterolo totale è associato alle CVD, ma il colesterolo LDL ha la correlazione positiva più forte.
  • Ricerche a doppio cieco condotte su esseri umani, con gruppi di controllo placebo, mostrano che persone affette da CVD con livelli di LDL più bassi sperimentano meno eventi fatali o sintomatici.
  • I primati allo stato selvatico mantengono livelli di LDL bassi e non soffrono di malattie cardiache.
  • E’ possibile causare le malattie cardiache nei mammiferi erbivori nutrendoli con grandi quantità di grassi saturi e colesterolo.
  • NON è possibile indurre l’aterosclerosi nelle specie carnivore nutrendole con una qualsiasi quantità di grassi saturi e colesterolo.
  • “Al contrario di quanto avviene nutrendoli con colesterolo e/o grassi saturi, non è possibile produrre placche aterosclerotiche negli erbivori provocando un rialzo cronico della pressione, esponendoli al fumo di sigaretta per tutta la vita, o aumentando i livelli di glucosio nel sangue se non vengono simultaneamente nutriti con una dieta aterogena.” William C. Roberts (3)

Considera questo:

“Tra i molti fattori di rischio ambientali e genetici che sono stati identificati dagli studi epidemiologici, livelli elevati di colesterolo nel siero sono probabilmente l’unico a essere sufficiente per indurre lo sviluppo dell’aterosclerosi negli esseri umani e nelle cavie, anche in assenza di altri fattori di rischio conosciuti. Negli esseri umani, la maggior parte del colesterolo sierico è trasportato dalle molecole di LDL.” (2)

 

Ma… il mio colesterolo è sano!

Una delle più comuni idee errate delle persone è che il proprio livello di colesterolo sia sano, quando in realtà è semplicemente “normale”.

Un colesterolo di cui non preoccuparsi è un LDL inferiore a 70 mg/DL, o un colesterolo totale inferiore a 150 mg/DL. Se riesci a raggiungere un valore simile mangiando tutte le uova che vuoi, allora ti invito a essere mio ospite!

Ma tutte le persone che mi hanno scritto dicendo di mangiare molte uova e di avere un livello di colesterolo “sano”, si trovano in realtà ancora nella zona a rischio.

Qui un’affascinante ricerca co-realizzata da Loren Cordain, ricercatore e autore di Paleo diet.

 

Può il tuo colesterolo essere troppo basso?

Alcune persone, seguendo una dieta vegana low fat o crudista, riportano risultati sorprendenti, con livelli di colesterolo così bassi da mettere in imbarazzo o perfino preoccupare il loro medico. Che semplicemente non ha mai visto alcun paziente con livelli così bassi.

Con valori di colesterolo totale ben al di sotto di 150 mg/dl (ad esempio 120 mg/dl), alcune persone cominciano a pensare che i propri valori siano troppo bassi.

Molti autori paleo sostengono che il colesterolo basso porti alla depressione e ad altri problemi di salute.

I cacciatori-raccoglitori, civiltà agricole vissute a lungo, la maggior parte dei mammiferi e perfino i neonati umani hanno livelli di colesterolo molto bassi.

colesterolo mammiferi

 

Di quanto colesterolo abbiamo bisogno?

Un livello ottimale di LDL sembra essere tra i 50 e i 70 mg/dl. Più basso è meglio e fisiologicamente normale.

Il tuo colesterolo totale può essere molto basso, se comparato con gli standard occidentali, e tuttavia essere una buona cosa a meno che la causa, anziché una dieta salutare, non sia una condizione patologica che provochi una caduta dei livelli di colesterolo.

 

Ma il colesterolo non è essenziale per la vita?

Una delle argomentazioni sostenuta dai bloggers paleo è che “il colesterolo è essenziale per la vita” e non è bene che scenda troppo in basso.

Sì, il colesterolo è essenziale alla vita. Ecco perché il nostro corpo lo produce… proprio come fa quello di ogni mammifero, erbivori inclusi!

Il problema è che la nostra dieta e il nostro stile di vita portano i nostri livelli di colesterolo oltre una soglia critica, dove troppo colesterolo diventa un problema.

Se abbassi il colesterolo attraverso metodi naturali, meno è meglio – poiché fai conto sull’abilità del tuo corpo di produrre il colesterolo di cui ha bisogno.

E’ anche possibile soffrire di una patologia che provoca livelli bassi di colesterolo senza che questi siano il risultato di una dieta sana. Ad esempio, la malaria abbassa il colesterolo. Alcune patologie causano un abbassamento del colesterolo. Ecco perché le persone hanno valori più bassi alla fine della loro vita.

A volte è questo il motivo per cui livelli bassi di colesterolo vengono associati a certe malattie… tuttavia il colesterolo basso è una conseguenza della malattia, non una causa!

 

Qual è la causa del colesterolo alto?

Spero di averti convinto che valori elevati di LDL sono il fattore più importante di rischio per le CVD.

La domanda naturale è: cosa provoca livelli elevati di colesterolo LDL?

Questo non è chiaro. Sappiamo che diversi fattori possono influenzare i nostri livelli di colesterolo:

  • La nostra dieta
  • L’esercizio fisico o la sua mancanza
  • Il sovrappeso

Concentriamoci sulla nutrizione e cerchiamo di rispondere alle seguenti domande:

  • Il colesterolo nella dieta fa aumentare i livelli di colesterolo LDL?
  • L’apporto di grassi, in particolare saturi, fa aumentare i livelli di colesterolo?
  • Qual è la primaria causa alimentare del colesterolo alto nelle società occidentali?

 

Il colesterolo nella dieta fa aumentare il colesterolo nel sangue?

C’è molto dibattito sul colesterolo nella dieta, che si trova in cibi animali come uova, carne e pesce. Sappiamo per certo che un elevato livello di colesterolo nel sangue provoca le malattie cardiache, ma cosa fa aumentare il colesterolo?

Nel libro “Cholesterol and beyond”, uno dei libri scientifici più convincenti sulle malattie cardiache – la conclusione è che il colesterolo nella dieta può influenzare il colesterolo nel plasma.

Le prove non sono così chiare perché alcuni studi ne contraddicono altri e giungono a risultati differenti.

Animali diversi reagiscono diversamente all’assunzione di colesterolo alimentare. Quando i conigli vengono nutriti con colesterolo, ne assorbono solo una parte e non riescono a eliminare il resto, quindi il loro colesterolo va alle stelle.

Come esseri umani non riusciamo ad assorbire molto colesterolo attraverso la dieta, e quando ne ingeriamo ne produciamo meno, ecco perché i valori del colesterolo nel sangue non aumentano quanto quelli dei conigli.

Diversi studi fatti negli anni ’60 e ’70 sugli esseri umani mostrano che un aumento del colesterolo nella dieta fino a 600 mg al giorno provoca un aumento del colesterolo nel sangue. Oltre questa soglia, l’aumento cessa. Alcune persone rispondono più di altre, e in molti individui aggiungere colesterolo nella dieta non provoca un aumento del colesterolo sanguigno.

 

Una scoperta chiave

Una nuova ricerca rivela che il colesterolo ha molto più effetto se assunto da qualcuno che segue una dieta povera di grassi.

Se il tuo apporto di colesterolo è zero, includerne 500 mg/giorno (due uova circa) può aumentare il tuo colesterolo in media di 10 mg/dl.

Ma se la tua dieta già ne contiene 500 mg/giorno, allora aggiungere altri 500 mg farà aumentare i tuoi livelli di colesterolo di soli 1,50 mg/dl, secondo la ricerca.

Ecco un altro studio che mostra cosa succede al colesterolo nel sangue di persone che seguono una dieta povera di grassi, se vengono nutrite con molte uova.

Se leggi i miei articoli probabilmente segui una dieta abbastanza sana, perciò la questione è se includere un uovo o due o della carne può farti male. Se cominci da un livello di colesterolo nella dieta pari a zero, questa aggiunta può provocare un aumento significativo. 10 mg/dl può non sembrare tanto, ma è abbastanza considerevole considerando che questa è solo la “media” di una ricerca (potresti sperimentare un aumento maggiore) e che ogni rialzo o calo di 10 punti nel colesterolo LDL influisce significativamente sul tuo rischio di malattie cardiovascolari.

 

Il legame tra grassi saturi e malattie cardiache

Il legame tra colesterolo alimentare e colesterolo nel sangue perciò non è così schiacciante, ma può essere significativo se sei sensibile e il tuo consumo di colesterolo in partenza è basso o se stai considerando di toglierlo dalla tua dieta.

Un punto scientifico su cui c’è meno dibattito è come i grassi saturi aumentino il colesterolo nel sangue.

I primi studi sull’argomento mostravano un legame tra il consumo totale di grassi e il colesterolo sanguigno. Si notò poi che era l’apporto di grassi saturi nella dieta ad alzare il colesterolo nel sangue. Sostituire i grassi saturi con quelli insaturi faceva diminuire i livello di colesterolo.

Ecco una sintesi delle ricerche sull’argomento:

  • Un alto consumo di grassi è collegato ad alti livelli di colesterolo nel sangue
  • Il colesterolo sierico aumenta col consumo di burro e si abbassa con l’olio di semi di girasole. L’olio d’oliva lo fa aumentare un po’, a causa del suo contenuto di grassi saturi.
  • Le ricerche fatte su popolazioni che seguono diete povere di grassi, come i giavanesi delle Indie orientali tra il 1916 e il 1922, mostrano come una dieta ricca di grassi saturi e colesterolo alzasse il loro livello di colesterolo drammaticamente. In questo caso, da 128 a 168 mg/dl in soli tre mesi.
  • Non tutti gli acidi grassi saturi hanno lo stesso effetto. L’acido miristico è il più potente nel fare aumentare il colesterolo. L’acido stearico ha poco o nessun effetto sul colesterolo nel sangue. Le più grandi fonti di acido miristico? Olio di palma, olio di cocco e burro.
  • Quando i ricercatori Brown e Goldstein scoprirono nelle cellule i recettori per il colesterolo LDL (per cui ebbero il premio Nobel in medicina ne 1985), capimmo come i grassi saturi facciano aumentare i livelli di colesterolo. Essi sopprimono l’attività dei recettori LDL, e le cellule assorbono meno LDL. Aumentano la “riserva” di colesterolo influenzando l’attività dei recettori. I grassi insaturi hanno l’effetto opposto.

 

Vuoi altre prove?

Per convincerti che consumare grassi saturi fa aumentare i livelli di colesterolo. Puoi cominciare leggendo “Cholesterol and beyond” di Stewart Trusdell, un libro non-vegano senza alcuna affiliazione ad associazioni vegetariane (non raccomanda nemmeno una dieta vegetariana), che è una rassegna completa delle ricerche svolte sul colesterolo tra il 1900 e il 2000.

Ma se non è abbastanza, puoi fare le tue prove.

Perché così tanti bloggers paleo si lamentano del colesterolo alto? Basta scorrere nei loro blog.

Un articolo di Mark Sisson, un sostenitore della dieta paleo, si distingue secondo me per la sua idiozia e demenza. Mark comincia ammettendo che per molti seguaci della dieta il colesterolo LDL va alle stelle. Ovviamente comprende che questo è un problema. Altrimenti, non gli dedicherebbe un intero articolo.

Ma, subito dopo, i suoi suggerimenti diventano ridicoli. Secondo lui, la colpa potrebbe essere della mancanza di attività fisica. “Fai una passeggiata”, dice! Suggerisce anche di “sollevare pesi”. Il livello di negazione è alto.

 

Come mai i bloggers paleo fraintendono così le ricerche

Questo articolo sta diventando piuttosto lungo, e non posso passare in rassegna tutti gli studi che non mostrano correlazioni tra i grassi saturi e il colesterolo alto. Ma ne prenderò in esame uno per mostrarti gli errori di questo tipo di ricerche.

Cominciano con un blog che mi piace leggere e che rispetto, quello di Stephan Guyenet, biochimico e neurobiologo che si occupa di obesità e nutrizione.

Potrebbe aver cambiato idea da allora, ma nel 2011 scrisse un articolo esaustivo che indagava il legame tra grassi saturi e colesterolo nel sangue.

Cominciava citando una ricerca del 1963 che non mostrava correlazioni tra consumo di grassi animali e colesterolo nel sangue. Tuttavia, sono andato a leggere quella ricerca e ho trovato una storia differente.

I ricercatori vi dichiarano che “le proteine animali mostrano poche correlazioni positive con il livello di colesterolo”. Questo significa che c’è qualche correlazione. Poi, dicono che i carboidrati hanno effetti opposti.

E infine parlano della nostra amata “soglia” critica, in cui ci siamo imbattuti parlando del colesterolo nella dieta. Quando una persona segue già una dieta ad alto contenuto di grassi, aggiungere altri grassi alla dieta non fa aumentare il colesterolo più di tanto!

I risultati contano. Tutte le ricerche mostrano che se escludi o quasi il colesterolo dalla tua dieta, e mangi cibi vegetali integrali con un apporto minimo di grassi saturi (niente olio di cocco quindi), avrai il più basso livello di colesterolo LDL possibile, il che abbasserà significativamente il tuo rischio cardiovascolare.

Se mangi molti grassi saturi e colesterolo, farai aumentare significativamente il colesterolo nel tuo sangue, e così il rischio di malattie cardiovascolari.

Se qualcuno può dimostrare il contrario, allora per favore mi mostri le prove! Molto probabilmente si tratterà di eccezioni, piuttosto che di una regola.

E per “dimostrare il contrario”, intendo:

  • Un colesterolo LDL inferiore a 70 mg/dl
  • Un colesterolo totale inferiore a 150 mg/dl

Di recente, Gary Taubes, un autore che ama il colesterolo e i grassi saturi, ha postato i risultati delle sue analisi per provare al mondo che la sua dieta è salutare. Questo da un uomo che comincia la sua giornata con le salsicce.

Tra i dati, troverai i “numeri assassini”.

I valori del colesterolo di Gary sono:

  • 116 mg/dl di LDL
  • 204 mg/dl di colesterolo totale

valori colesterolo

Questo lo colloca nella categoria ad alto rischio cardiovascolare, e possiamo dire con certezza che l’aterosclerosi si sta sviluppando nelle sue arterie ad ogni pezzo di salsiccia che mangia per colazione.

Questo dimostra ciò che dico.

 

In sintesi

In sintesi, ciò che affermo in questo articolo è molto semplice, ma tuttavia importantissimo da capire:

  • Il colesterolo nel sangue conta, e di fatto è il più importante fattore di rischio Il valore da tenere d’occhio è il colesterolo LDL.
  • Il colesterolo nella dieta fa aumentare il colesterolo nel sangue in molti individui.
  • I grassi saturi e le proteine animali, in generale, fanno aumentare il colesterolo nel sangue.
  • Ci sono molte cose che puoi fare per diminuire il rischio di malattie cardiovascolari, ma una di esse è mantenere il tuo consumo di cibi animali al minimo (con questo intendo dire fare del tuo meglio per evitarli).

 

Domande che potresti fare:

 

E il colesterolo HDL?

Sì, mi sono concentrato solo sul colesterolo “cattivo” (LDL), perché è il valore che conta. L’HDL è una lipoproteina ad alta densità che secondo le ricerche può proteggere dal rischio cardiovascolare. L’obiettivo rimane comunque quello di mantenere il tuo LDL a livelli desiderabili, anche se questo significa far scendere un pochino anche il tuo HDL.

E le dimensioni delle particelle LDL?

Un lettore ha risposto all’articolo precedente in questo modo: Le cose importanti sono il numero e la grandezza delle particelle di LDL, non solo il valore LDL in sé.

Alcuni sostengono che le particelle grandi di LDL non sono pericolose come quelle piccole e dense. Ma anche quelle contano! Le particelle grandi aumentano il rischio di malattie cardiache del 44%, mentre quelle piccole del 63%.

Da qualunque parte lo si guardi, il colesterolo LDL causa l’aterosclerosi. Il dibattito sulle particelle grandi/piccole assomiglia a un dibattito sul modo migliore di suicidarsi.

Il paradosso francese

Altra domanda: Che dire dei francesi, che mangiano un sacco di colesterolo e grassi saturi e hanno meno problemi cardiaci?

Questo paradosso non è dovuto al vino rosso o ad altre componenti della dieta francese. E’ dovuto a un errore statistico e al fatto che qualcosa come un 20% delle morti causate da problemi cardiovascolari non è stato correttamente riportato nei certificati di morte, facendolo rientrare in “altre cause”. Quindi, alla fine i francesi muoiono di malattie cardiovascolari tanto quanto gli altri, considerando la loro dieta ricca di grassi animali.

Le malattie cardiache sono causate dallo zucchero!?

Fino al 1984 i ricercatori lavorarono alla teoria secondo cui lo zucchero provoca le malattie cardiache. John Yudkin, professore di nutrizione alla London University negli anni ’60, sottolineava come con l’aumento del consumo di zucchero aumentassero anche le malattie cardiache.

Yudkin mise alla prova la sua teoria con esperimenti animali, somministrando una dieta ad alto contenuto di zucchero alle cavie. Questo fece aumentare i loro trigliceridi, ma in misura minore il loro colesterolo. Le industrie dei formaggi, delle uova e delle carni promossero l’idea di Yudkin e la sua teoria sullo zucchero fu resa popolare da una serie di libri pubblicati all’epoca. Queste idee furono però screditate in seguito dalla comunità scientifica.

 

FONTI:

1: (Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology. 1987:7:612-619 – “Total cholesterol and high density lipoprotein cholesterol levels in populations differing in fat and carbohydrate intake”)
2, 3: (Cell, Vol. 104, 503-516, February 23, 2001 Christopher K. Glass and Joseph L. Witztum Specialized Center of Research on Molecular Medicine and Atherosclerosis Other source: book called “Nutritional and Metabolic Bases of Cardiovascular Disease”)
4: (Familial hyperalaphalipoproteinamia J Lab Clin Med, 1976, Dc,88(6)-941-57)
5 Source: (The Johns Hopkins Textbook of Dyslipidemia) – Peter O. Kwiterovich, Jr., MD)
6, 7: (“A Receptor-Mediated Pathway for Cholesterol Homeostasis” – Nobel Lecture, 9 December, 1985 by Michael S. Brown and Joseph L Goldstein)
8, 9: (“Evidence Mandating Earlier and More Aggressive Treatment of Hypercholesterolemia” – Circulation, 2008; 118:672-677)
10: (Serum Cholesterol Concentration in New-Born African and European Infants and Their Mothers) – American Journal of Clinical Nutrition, Vl 4, No. 8, 1962)
11-16: (James H O’Keefe, MD*; Loren Cordain, PhD†; William H Harris, PhD*; Richard M Moe, MD, PhD*; Robert Vogel, MD‡ J Am Coll Cardiol. 2004;43(11):2142-2146. doi:10.1016/j.jacc.2004.03.046 http://content.onlinejacc.org/article.aspx?articleid=1135650)
17: (“Role of cholesterol in parasitic infections” – Lipids in health and disease 2005,4:10)

Comments

commenti

Iscriviti e Ricevi Omaggi e Nuovi Articoli

crudo e salute omaggi

Grazie! Controlla la tua email!

LASCIA LA TUA EMAIL

Ricevi i 10 Errori Insospettabili nella Dieta Crudista

Grazie! Il PDF è in arrivo, controlla la tua email.

Share This