Chi è Flavia Gallo?

“Nel cibo c’è tutto il tocco degli affetti più cari, quelli che mi hanno letteralmente sollevata da terra e messa in piedi da bambina. Nel cibo c’è la mia immagine di ragazza che si pensava donna e c’è la donna di oggi che si rende conto delle cose, reali e simboliche, che ci sono veramente dietro la scelta del cibo.”

 

Che ci fa una drammaturga su un progetto di nutrizione e salute? Una che si è spesa tutta una vita su progetti artistici e pedagogici? A inseguire l’eros della conoscenza, la sostanza immaginifica dell’invenzione letteraria?

Si inciampa, a volte, per caso, su discorsi presumibilmente collaterali che, d’un tratto, si allargano fino a prendersi la terra su cui cammini… Di nuovo: che ci fa una che si occupa di teatri e di emozioni su un sito che parla di frutta e verdura?

La risposta non è immediata ma proverò a raccontare in poche righe che cosa può spingere un intellettuale a occuparsi oggi di ciò che mangiamo.

Della triade di Crudo&Salute sono di sicuro la meno disciplinata, una vegetariana spuria, un essere umano in transizione che lavora su di sé per continuare a vivere il suo rapporto con il cibo in una dimensione erotica e gioiosa, meditando al contempo su cosa vuol dire mangiare.

So questo: che mangiare non è più per me qualcosa di “privato”. Sta via via diventando un atto pubblico, un atto di interpretazione di un rapporto antico e viscerale con la mia biografia, con la mia memoria di questo pianeta.

Da siciliana non mi è difficile affermare che nel cibo c’è tutto il tocco degli affetti più cari, quelli che mi hanno letteralmente sollevata da terra e messa in piedi da bambina. Nel cibo c’è la mia immagine di ragazza che si pensava donna e c’è la donna di oggi che si rende conto delle cose, reali e simboliche, che ci sono veramente dietro la scelta del cibo.

Lontana da moralismi ed estremismi, mi ritrovo a pensare che muoversi verso un approccio più sobrio, parsimonioso e pulito nei confronti della nutrizione mi richiama dentro una responsabilità avventurosa.

Ancora: cosa ci fa una studiosa di drammaturgia a discettare su broccoli e proteine vegetali? E come si coniugano anni di militanza poetica con questo nuovo progetto sulla salute del corpo e di un mondo di cui ci troviamo a condividere meraviglie e inquietudini?

La risposta sta racchiusa in una sensazione: io sento che ci stiamo mangiando tutto.

E della rovina che ne sta derivando e che peserà sulla vita di milioni di esseri umani, di oggi e delle future generazioni, un intellettuale non può non occuparsi!

Perché un letterato, poeta o studioso che sia, è un essere umano che si allena per una vita a vedere connessioni tra cose che prima non le avevano, uno che sa che una sola parola può creare un movimento infinito nel tempo e nello spazio, uno che non può permettersi di pensare banalmente che la scelta di ciò che fa parte della sua personale alimentazione non valga il destino di tutti gli altri, in termini bio/eco/filo logici.

Per questo sono anche io qui; per questo mi troverete nella veste di chi studia collega ricerca e vive la sua transizione: perché tutto è connesso, la vita di ogni cosa si riflette a millesimali quanto stratosferiche distanze; perché io non voglio mangiarmi il mondo e posso usare la mia parola affinché la bellezza duri, e duri di più, per chi verrà dopo di me!

Tutto questo, incredibilmente, è nelle nostre mani, è nel farsi di ogni giorno: salute, etica, economia si intrecciano sulla nostra tavola, luogo dove ancora io credo ci si debba sedere ringraziando e prendendosi cura di chi ci siede al fianco.

Che può fare un’esperta di teatro e pedagogia per Crudo&Salute?

Può testimoniare, con la sua vita e la sua parola, la meravigliosa fatica dell’esserci responsabilmente nell’erotica vicenda legata a un atto di sapienza, quotidiano e assieme straordinario, un atto doppio in realtà, che ricorda da vicino la parola  educazione: nutrire gli altri e/è nutrire se stessi.

Dott.ssa Flavia Gallo
Drammaturga e Pedagogista dell’Espressione

LASCIA LA TUA EMAIL

Ricevi i 10 Errori Insospettabili nella Dieta Crudista

Grazie! Il PDF è in arrivo, controlla la tua email.

Share This